Articoli

IL GREENPASS NON FUNZIONA!

Giornali e media stanno giustificando l’obbligo di accesso a servizi ed attività con greenpass come necessario per garantire la sicurezza. Ma non è così, in poche settimane ci sono già numerosi casi di eventi che hanno riscontrato poi casi di COVID-19 fra chi ha il “lasciapassare”.

Il vaccino non sempre immunizza.

Il vaccino non previene il contagio.

Il vaccino non ha una durata certa nel tempo.

Il vaccino non ha un’efficacia alta nei confronti della variante Delta.

Il greenpass è un RICATTO, la conferma del FALLIMENTO VACCINALE.

 

Continue reading “IL GREENPASS NON FUNZIONA!” »

PERCHE’ PROTESTIAMO CONTRO IL GREENPASS?

Iscriviti al nostro canale Telegram

In questi giorni la logica del “divide et impera” ha raggiunto i massimi livelli fra la popolazione sul tema del greenpass obbligatorio a partire dal prossimo 6 Agosto. Premesso che è impossibile convincere chi affida il proprio pensiero affidandosi agli spot di Mara Venier e Paolo Bonolis o alla comunicazione scientifica di Piero Pelù e Claudio Amendola, vogliamo spendere due righe per dire, molto serenamente, le motivazioni di chi in queste settimane partecipa alle manifestazioni di protesta contro il greenpass obbligatorio.

Perché protestiamo? Ci è capitato di sentirci fare questa domanda da parenti o colleghi quando hanno saputo che avremmo partecipato a una delle tantissime proteste che quotidianamente vengono organizzate sul territorio, proviamo a rispondere analizzando i motivi sotto vari punti di vista. Non vogliamo convincere nessuno, auspichiamo solo che qualcuno voglia capire perché le persone protestano e magari capire che la logica di costruire due fazioni fra la popolazione è il solito schema per introdurre misure di legge restrittive e discriminatorie a cui tutti dovremmo ribellarci. Analizziamo le motivazioni sotto quattro aspetti principali:

1) Aspetto sanitario

2) Aspetto economico

3) Aspetto legale

4) Aspetto pratico

1 – ASPETTO SANITARIO

“Con il green pass gli italiani possono contare a esercitare le proprie attività e divertirsi con la garanzia di trovarsi con persone che non sono contagiose.”

Con queste parole il Presidente del Consiglio Mario Draghi ha giustificato in conferenza stampa l’estensione dell’obbligo del greenpass a tantissime attività sociali e culturali, eppure questa affermazione non trova riscontro nelle fonti ufficiali dell’Istituto superiore di sanità e neanche nelle recenti dichiarazioni di medici.

Dal sito ISS infatti leggiamo “Anche dopo essersi sottoposti alla vaccinazione bisognerà continuare a osservare misure di protezione nei confronti degli altri, come la mascherina, il distanziamento sociale e il lavaggio accurato delle mani. Ciò sarà necessario finché i dati sull’immunizzazione non mostreranno con certezza che oltre a proteggere sé stessi il vaccino impedisce anche la trasmissione del virus ad altri.”

Ovvero, ad oggi, non esiste evidenza scientifica per cui un soggetto vaccinato non possa contagiare gli altri. 

Pochi giorni fa il Dottor Fauci ha dichiarato che “anche le persone che sono state vaccinate possono a loro volta trasmettere il virus ad altri” riferendosi alla variante delta, ormai dominante in Italia rispetto alle precedenti varianti del virus. Nonostante alcuni giornali italiani abbiano provato a mitigare queste dichiarazioni la decisione dei CDC americani di reintrodurre le mascherine al chiuso anche ai vaccinati è la prova che, pur se i media stanno cercando di limitare i danni prodotti all’immagine del vaccino dopo queste dichiarazioni arrampicandosi sugli specchi, in questo momento la vaccinazione NON impedisce il contagio e non ci sono certezze sull’efficacia del vaccino che è stato prodotto sul virus originario.

Oltre a questo vogliamo anche evidenziare come la durata della protezione del vaccino Pfizer sia ancora incerta. Uno studio di pochi giorni fa pubblicato su The Lancet parla di una riduzione significativa in 10 settimane mentre il greenpass attualmente ha una validità ben superiore, ovvero 9 mesi.

A quale “garanzia di trovarsi con persone che non sono contagiose” si riferisce quindi il Presidente del Consiglio quando giustifica il decreto legge per restringere le libertà costituzionali?

L’obbligo di greenpass, da un punto di vista sanitario, non è giustificato visto che non è una misura per ridurre i contagi: il vaccino non impedisce il contagio, non viene verificata l’effettiva risposta anticorpale nei soggetti vaccinati (ma basta aver ricevuto la dose per avere il “lasciapassare”) e la durata degli anticorpi potrebbe essere ben inferiore al tempo di validità del greenpass decisa dal Governo.

2 – ASPETTO ECONOMICO

L’economia italiana ha risentito molto della pandemia da Covid19. Moltissime attività sono state chiuse in questi 18 mesi di “emergenza” , una stima ISTAT di fine 2020 parla di 73.000 imprese chiuse, il 7% del totale. Il motivo per cui molti di coloro che protestano sono proprio i gestori di attività commerciali è che questo decreto rischia di rendere ancora inferiori i consumi. Quante famiglie saranno disposte a vaccinare i figli 12 enni per poter andare a mangiare una pizza? E quanti avranno voglia e soldi di fare un tampone per poter andare al cinema?

I primi segnali che arrivano dopo l’annuncio del greenpass del resto parlano chiaro: prenotazioni crollate nelle agenzie di viaggi , utenti in fuga da piscine e palestre , disdette e richieste di rimborsi per i parchi di divertimento .

Il rischio è di uccidere l’economia in modo definitivo, con un aumento ulteriore di attività che saranno costrette a chiudere per la diminuzione degli incassi. Ricordiamo oltretutto che le attività oggetto di uso greenpass risulteranno di fatto “aperte” quindi non è previsto nessun aiuto statale nonostante un calo della clientela dovuto alle restrizioni. La percentuale di vaccinati decresce con l’età, di fatto le fasce d’età che frequentano bar, ristoranti, parchi divertimento e palestre sono quelle con una percentuale di vaccinati inferiore, questo comporterà di fatto una riduzione sensibile dei clienti potenziali di ogni attività colpita. Inoltre il greenpass viene rilasciato solo dopo 15 giorni dalla somministrazione, quindi ipotizzando anche che qualcuno sia obbligato a vaccinarsi per non rinunciare alle attività sociali avrà comunque un periodo in cui sarà escluso dalle attività.

3 – ASPETTO LEGALE

All’interno del decreto 105 si fa riferimento ai regolamenti del parlamento europeo 953/954 per il cosiddetto “certificato COVID digitale dell’UE”. Il Governo, sempre attento a prendere spunto dall’Europa, si è stranamente dimenticato che all’articolo 36 è riportato: “è necessario evitare la discriminazione diretta o indiretta di persone che non sono vaccinate (anche per scelta)” e che “il regolamento non può essere interpretato nel senso che istituisce un obbligo a essere vaccinati”.

Ora prendiamo il caso della richiesta del greenpass per accedere a piscine o palestre: è secondo voi di fatto un obbligo vaccinale o no chiedere un tampone ogni 48 ore (l’unica alternativa per avere il greenpass senza vaccinarsi)?

Dal nostro punto di vista non è sostenibile farsi un tampone ogni 48 ore per accedere ad attività abituali come queste. Di fatto con questo decreto il Governo ha quindi introdotto un obbligo vaccinale mascherato per accedere alle attività sportive.

Questo è ovviamente solo un esempio, perché anche se parliamo di cinema ci troviamo di fronte di fatto a un obbligo vaccinale: un tampone medio costa fra le 20 e le 40 euro. Secondo voi una famiglia di 4 persone dovrebbe spendere, oltre al costo del biglietto, fra le 80 e le 160 euro per sottoporsi a tampone per andare a vedere un film? Di fatto anche questo evidenzia come la richiesta di greenpass per accedere al cinema sia un obbligo vaccinale mascherato, in palese violazione del regolamento europeo a cui fa riferimento.

4 – ASPETTO PRATICO

Siamo italiani, sappiamo bene quanto l’efficienza non sia di certo il nostro punto di forza. Immaginate ora la praticità di chiedere QR code e documenti a tutti i partecipanti di un tavolo di una pizzeria di sabato sera. Senza contare che l’onere di controllare spetta al locale secondo il DL 105, con conseguente aggravio dei compiti del personale che già deve controllare distanza, mascherina, presenza del gel igienizzante e cartelli di segnaletica per i percorsi di entrata/uscita.

O ancora immaginate una cena in un ristorante all’aperto (quindi senza richiesta di greenpass) con un improvviso acquazzone: i clienti verrebbero spostati in una sala interna e chi non ha il greenpass continua a mangiare sotto la pioggia?

E immaginate a quali scene assisteremo con i turisti stranieri, stupiti da questa follia tutta italiana di richiedere codici a barre e fogli per poter mangiare una pizza o bere un caffè a un tavolo.

Sul rilascio dei codici a barre poi si apre la pagina della meravigliosa burocrazia italiana: codici non rilasciati per errore, numeri verdi intasati per avere informazioni e certificati persi perchè la vaccinazione non è stata correttamente registrata. E sarà ancora più difficile con i tamponi, visto che la validità è di sole 48 ore dall’effettuazione (non dal risultato), con il concreto rischio di non partecipare ad eventi o cene perchè il risultato del tampone non è arrivato in tempo per poter mostrare il codice all’ingresso.

Senza volerci dilungare ulteriormente risulta evidente che il greenpass è una complicazione nella nostra vita con la falsa sensazione di sicurezza. L’incapacità del vaccino di impedire il contagio e l’obbligo di utilizzo in attività abituali rischiano di affossare l’economia italiana ulteriormente senza nessun vantaggio in termini di salute pubblica.

Chiudiamo solo con due ulteriori riflessioni: non pensate che avendo fatto il vaccino questa protesta non vi riguardi. Si prospetta già l’obbligo di terza dose per avere il greenpass , legare la possibilità di accedere a luoghi aperti al pubblico all’effettuazione di una vaccinazione vi rende di fatto obbligati a vita a seguire il calendario che verrà deciso. La seconda riflessione è che nel decreto è ben esplicitato che le attività che sono aperte con obbligo di greenpass “nelle zone gialla, arancione e rossa, laddove i servizi e le attività di cui al comma 1 siano consentiti e alle condizioni previste per le singole zone”. Questo significa che qualora ci siano zone rosse locali o qualche regione diventi arancione o rossa le attività oggi aperte con greenpass potrebbero essere chiuse per tutti. E’ già successo ad esempio in alcuni paesi dove con ordinanze sono state istituite zone rosse locali con la chiusura di negozi, bar e ristoranti.

Il greenpass non è un lasciapassare ma solo un modo, in piena estate, di spingere una campagna vaccinale che sta fallendo. L’anno scorso, senza nessuna vaccinazione, del resto tutte le attività erano aperte per tutti e senza QR code da mostrare in giro. Appare quindi evidente che la vaccinazione, e di conseguenza il greenpass, è di fatto oggi obbligatoria e il greenpass solo un ricatto a cui tutti dovrebbero ribellarsi perché relegare le proprie libertà a dei lasciapassare con tutte queste criticità è un pericoloso precedente, per tutti.

Staff C.Li.Va. Toscana

Il nostro sito

La nostra pagina Facebook

LA FOLLIA DEL GREENPASS

Giornali e TV stanno prontamente strumentalizzando quanto avvenuto sabato scorso in tutta Italia: manifestazioni libere, spontanee e pacifiche contro l’utilizzo del green pass.

Invitiamo tutti a partecipare domani MARTEDÌ 27 LUGLIO in PIAZZA MONTECITORIO ORE 15.00 alla manifestazione contro l’obbligo di greenpass.

Continue reading “LA FOLLIA DEL GREENPASS” »

DECRETO LEGGE N.105 – ESTENSIONE GREENPASS PUBBLICATO IN GAZZETTA UFFICIALE

È stato pubblicato in gazzetta ufficiale il decreto legge n.105 che estende l’utilizzo del greenpass dal prossimo 6 Agosto.

Di seguito trovate la nostra analisi per poter capire cosa cambia e quali criticità introduce.

Invitiamo tutti a mantenere la calma e a non disperarsi. Numerose manifestazioni sono state organizzate già da oggi 24 Luglio. Ci raccomandiamo di partecipare numerosi perché i nostri diritti sono sotto forte attacco. Invitiamo però, visto il clima di forte esasperazione, a partecipare senza bambini in modo da evitare problemi in caso di eventuali disordini. Sappiamo bene come grandi concentrazioni di persone esasperate possono talvolta creare un ambiente non ideale per il bene più prezioso che abbiamo: i nostri figli.

Continue reading “DECRETO LEGGE N.105 – ESTENSIONE GREENPASS PUBBLICATO IN GAZZETTA UFFICIALE” »

IL FALLIMENTO DEL GREEN PASS

Dopo neanche 10 giorni dall’entrata in vigore il greenpass europeo è già un fallimento. Spinto dalla classe politica come lo strumento per tornare alla libera circolazione in vista del periodo estivo è invece bastata l’ennesima nuova variante del virus per rimettere tutto in discussione.

Malta ha bloccato tutti gli studenti italiani da qualche giorno, indipendentemente dal loro stato vaccinale, chi è entrato in contatto con un positivo deve fare la quarantena e il tampone, anche se in possesso di greenpass o certificato vaccinale.

Continue reading “IL FALLIMENTO DEL GREEN PASS” »

GREEN PASS – IN GAZZETTA UFFICIALE L’AVVERTIMENTO AL GOVERNO

 

Iscriviti al nostro canale Telegram!

Forte, chiaro e ben circostanziato l’avvertimento del Garante privacy al Governo pubblicato lunedì 3 maggio in Gazzetta Ufficiale in merito al trattamento dei dati nelle “certificazioni verdi” introdotte con il DL52.

Un atto formale che evidenzia gli errori commessi dal Governo nell’introdurre per decreto un provvedimento che “non ha tenuto adeguatamente conto dei rischi che l’implementazione della misura determina per i diritti e le libertà degli interessati, e, quindi, non siano state adottate le misure tecniche e organizzative adeguate per attuare in modo efficace i principi di protezione dei dati”.

In particolare le osservazioni riguardano:

“Mancata consultazione del Garante”

Come riportato in Gazzetta:

“L’introduzione della certificazione verde determinando un trattamento sistematico di dati personali, anche relativi alla salute, su larga scala, presenta un rischio elevato per i diritti e le libertà degli interessati in relazione alle conseguenze che possono derivare alle persone con riferimento alla limitazione delle libertà personali”.

“Inidoneità della base giuridica”

Molto importante anche l’osservazione del Garante in merito alla base giuridica che ha introdotto questa “certificazione verde”, in particolare si sottolinea che “ il predetto decreto-legge non rappresenta una valida base giuridica per l’introduzione e l’utilizzo dei certificati verdi a livello nazionale in quanto risulta privo di alcuni degli elementi essenziali richiesti dal regolamento” e che “la mancata specificazione delle finalità per le quali possono essere utilizzate le predette certificazioni assume infatti particolare rilievo con riferimento alla possibilità che tali documenti possano successivamente essere ritenuti una condizione valida anche per l’accesso a luoghi pubblici o servizi o per l’instaurazione o l’individuazione delle modalità di svolgimento di rapporti giuridici, allo stato non espressamente indicati nel decreto-legge (es. in ambito lavorativo o scolastico)”.

Ricordiamo infatti che nel DL52 la certificazione verde viene ufficialmente introdotta solo per la mobilità fra regioni, ma le varie dichiarazioni di alcuni esponenti politici che legano questa certificazione verde anche ad utilizzi per accedere ad eventi o luoghi ha richiamato l’attenzione del Garante che chiede espressamente un confine ben preciso di applicazione.

“Principio di minimizzazione dei dati”

Altro richiamo del Garante è quello relativo ai troppi dati inseriti nella certificazione: “non è pertinente indicare sulla certificazione ulteriori informazioni e che non è necessario l’utilizzo di modelli di certificazioni verdi diversi a seconda della condizione (vaccinazione, guarigione, test negativo) in forza della quale le stesse sono rilasciate”.

“Principio di trasparenza”

Infine molto importante l’osservazione di violazione del decreto legge al principio di trasparenza “non indicando in modo chiaro le puntuali finalità perseguite, le caratteristiche del trattamento e i soggetti che possono trattare i dati raccolti in relazione all’emissione e al controllo delle certificazioni verdi“, “non specifica la titolarità dei trattamenti effettuati ai fini dell’emissione e del controllo delle predette certificazioni verdi e in particolare di quelli posti in essere attraverso la «Piattaforma Nazionale DGC» e, inoltre “l’assenza di indicazioni in ordine alla titolarità del trattamento non consente pertanto agli interessati di esercitare i diritti in materia di protezione dei dati personali previsti dal regolamento”.

Alla luce di tutto questo il Garante ritiene “urgente l’esigenza di intervenire al fine di tutelare i diritti e le libertà degli interessati”.

Ricordiamo che il garante aveva già espresso dubbi anche sull’obbligo vaccinale inserito con il DL44. In un’intervista alla Prof.ssa Feroni infatti che “non è stabilito, ad esempio, quali siano le categorie obbligate, i tempi di conservazione dei dati, le modalità con cui gli ordini professionali e i datori di lavoro debbano comunicare alle ASL gli elenchi degli interessati, le misure a garanzia degli interessati. Non sono definite neppure le misure a tutela della privacy di coloro che non possono vaccinarsi e i cui dati, per ovvie ragioni, sono ancora più sensibili. All’Autorità in tre settimane sono arrivati più di 1.500 reclami o segnalazioni.”

Una vera e propria bocciatura da parte del Garante su un provvedimento che limita fortemente i diritti dei cittadini. Una dimostrazione che il continuo gioco al rialzo della compressione dei diritti deve incontrarsi/scontrarsi con il piano della realtà e soprattutto del diritto. A volte le due cose non vanno molto d’accordo e il fatto che passino nel silenzio generale deve essere un monito per tutti quanti noi e un invito a non dare niente per scontato, mai!

Staff C.Li.Va. Toscana

Il nostro sito

La nostra pagina Facebook

DOCUMENTO CONTRO IL “GREEN PASS”

Il C.Li.Va. ha inviato il seguente documento contenente le principali criticità o tradotte con il “Green pass” dal DL 52/2021.

Il provvedimento limita ulteriormente i diritti dei cittadini senza nessuna garanzia di efficacia.

 

senatori_passaporto

IL GOVERNO DEI MIGLIORI!

 

In Italia abbiamo la bellissima abitudine di dare un soprannome a tutto, per facilitare la comunicazione sui giornali per esempio il Governo Draghi attualmente in carica è stato soprannominato “il governo dei migliori”. E noi saremmo felici se ai soprannomi dati sulla fiducia seguissero anche fatti concreti a conferma del nome attribuito. Ma ci riesce davvero difficile definire “migliore” un Governo che, dopo aver introdotto per decreto legge l’obbligo vaccinale anti Covid19 per il personale sanitario, ne emana uno nuovo che limita la libertà personale in modo ingiusto e inutile. All’articolo 9 del decreto “riaperture” (1) (a proposito di nomi di fantasia e privi di corrispondenza pratica) infatti il Governo ha appena istituito le “certificazioni verdi Covid-19” (2) segnando nuovi sbarramenti alla libera circolazione delle persone.

Continue reading “IL GOVERNO DEI MIGLIORI!” »

CONTROLLO DI MASSA? NO, GRAZIE!

Controllo facciale attraverso una serie di telecamere piazzate in una certa zona geografica proposto dal Ministero dell’interno?

Il Garante della Privacy ha detto NO!

Continue reading “CONTROLLO DI MASSA? NO, GRAZIE!” »