Articoli

CHE DISASTRO QUESTI VACCINI COVID19!

 

A circa un mese dall’inizio della vaccinazione covid19 in Italia continuano ad arrivare notizie sulla scarsa efficacia e sulla sicurezza da tutto il Mondo.
Abbiamo analizzato la situazione in un nuovo articolo che potete leggere sulle nostre pagine

Telegram:

Facebook:

Staff C.Li.Va. Toscana

Telegraph
CHE DISASTRO QUESTI VACCINI COVID!
Nonostante i media italiani sbandierino i numeri della campagna di vaccinazione, quasi a segnare un countdown verso la fine dell’emergenza, continuano ad arrivare pessime notizie su efficacia e sicurezza per i 3 vaccini Covid19 attualmente disponibili in Italia: Pfizer, Moderna e AstraZeneca. Iniziamo dall’efficacia: Il Dottor Fauci ha infatti dichiarato che “i nuovi dati mostrano che i vaccini attualmente sul mercato potrebbero non essere così efficaci per le nuove varianti”, smentendo così quel 95% di efficacia…

La Vita è oltre i DPCM

Link Facebook

“La scuola è sicura. A Firenze 7 studenti positivi su 12mila test”

Queste le parole dell’Assessore all’educazione del Comune di Firenze, Sara Funaro (1); questo il risultato del lavoro di screening che ha trasformato aule e cortili delle scuole fiorentine in ambulatori e presidi sanitari; questo a dimostrazione,l’ennesima, che le scuole non sono un luogo di contagio.

Bene, esercitazione fatta: scuola promossa…e adesso?

Continue reading “La Vita è oltre i DPCM” »

DUE PESI DUE MISURE, ANCHE PER I MORTI

Link Facebook

 

Secondo il report dell’Istituto Superiore di Sanità il 66.2% dei morti con Covid19 ha colpito persone con almeno 3 patologie preesistenti. Se restringiamo l’analisi all’ultimo trimestre, dove la malattia per fortuna risulta maggiormente curabile negli ospedali, questa percentuale sale al 76.6% mentre le morti di persone senza patologie preesistenti è scesa allo 0.9% (9 casi) [1]

In questi mesi, in un susseguirsi di bollettini e numeri usati per giustificare i decreti, vari politici e influencer da salotto ci hanno spiegato che i morti con il Covid19 avrebbero vissuto ancora molti anni, addirittura secondo uno studio dell’Università di Glasgow [2] si è stimato in 10 anni l’aspettativa di vita residua media.

Continue reading “DUE PESI DUE MISURE, ANCHE PER I MORTI” »

OBBLIGHI E TSO

Link Facebook

 

“Se la curva dei contagi non lo richiederà, non sarà necessario imporre un trattamento sanitario obbligatorio e cercheremo fino all’ultimo di preservare la facoltatività della vaccinazione” [1]

Così ieri sera il Presidente del consiglio Conte rispondeva alle domande dei giornalisti sulla possibile introduzione dell’obbligo per il #vaccino #covid19.

Un film già visto in questi anni sul tema vaccini e che ha visto comitati e associazioni impegnati a combattere obblighi vaccinali e restrizioni dei diritti di autodeterminazione. Nel 2017 la legge Lorenzin 119 ha introdotto obblighi per i minori da 0 a 16 anni scatenando divisioni nella popolazione. Alla fine a pagare sono stati solo i bambini, esclusi dalle comunità scolastiche senza alcun motivo sanitario ma solo per rispondere alle direttive della Global Health Security Agenda [2]. Questa volta i possibili obblighi riguarderanno anche alcune categorie di lavoratori: dal personale sanitario agli insegnanti , dalle forze dell’ordine ai medici. E nel caso qualcuno si senta al sicuro perché “non possono mica licenziarmi se non mi vaccino” vi diamo un consiglio: non date niente per scontato, difendete insieme a noi i diritti di TUTTI, anche se non tocca a voi in prima persona, anche se vi sentite al sicuro… si combatte per un principio, non per difenderci in prima persona.

Noi da 3 anni cerchiamo di fare informazione contro la disinformazione di Stato sul tema vaccini, difendiamo i diritti costituzionali contro false motivazioni di politica e stampa per giustificare obblighi vaccinali, portiamo in tutte le sedi dove ci è concesso le motivazioni di chi non vuole obblighi di trattamenti sanitari senza il rispetto del #consensoinformato.

Apprendiamo che CISL medici Lazio [3] esprime “grandissima preoccupazione sulla sicurezza e sulla efficacia di un vaccino che qualcuno, tra gli abituali frequentatori di salotti televisivi, vorrebbe venisse reso obbligatorio per gli operatori sanitari e magari obbligatorio per la popolazione”, poche settimane fa la federazione nazionale ordini infermieristiche definiva “la vaccinazione antinfluenzale un’opportunità, non un obbligo” [4] e in Toscana il primario Menichetti giustificava con “l’ignoranza la motivazione della bassa adesione di medici e infermieri alla vaccinazione antinfluenzale” [5]

Possiamo definitivamente archiviare la favola delle “mamme informate sui internet che non vaccinano i figli perché credono alle fake news”, a protestare contro obblighi vaccinali e a NON vaccinarsi sono per primi i medici e il personale sanitario.

Per noi nessuna novità: lo abbiamo sempre saputo (e detto) che la scusa del morbillo per giustificare la Legge Lorenzin era solo il primo passo di un progetto più ampio. Diamo il benvenuto a chi invece se ne è accorto solo ora, non è mai troppo tardi per risvegliare la coscienza e scendere in campo per difendere i diritti.

Accoglieremo nuove iscrizioni (gratuite per tutti i cittadini toscani) al comitato felici di allargare la base di protesta, una grande opportunità di aumentare energie e idee.

E per chi vuole associarsi e dare un contributo anche economico ricordiamo che Corvelva, da sempre un punto di riferimento per la lotta contro gli obblighi vaccinali, ha aperto da poco le iscrizioni 2021: https://www.corvelva.it/associati-ora/?fbclid=IwAR3I5nQaUrbI-HAlMSnKyV_E4542Z0GlITN3gfuFjsDfX8YZ3LQ62kZKGs4

Staff C.Li.Va. Toscana

[1] https://abruzzoweb.it/covid-conte-su-tso-per-vaccino-cercheremo-fino-allultimo-di-preservare-la-facoltativita/

[2] https://aifa.gov.it/-/l-italia-capofila-per-le-strategie-vaccinali-a-livello-mondiale

[3] https://www.sanitainformazione.it/omceo-enti-territori/vaccinazione-anti-covid-cisl-medici-lazio-no-ai-decreti-commissariali-che-impongono-lobbligatorieta-ai-sanitari/

[4] https://www.baritoday.it/attualita/protesta-infermieri-obbligo-vaccino-influenza-lettera-emiliano.html

[5] http://iltirreno.gelocal.

GIÙ LE MANI DAI BAMBINI

Link facebook

Esattamente un anno fa, il 3 dicembre 2019, al Convegno Internazionale OMS sulla Sicurezza dei Vaccini l’antropologa Heidi Larson avvertì la commissione che non avrebbero potuto permettersi di perdere neanche un consenso a causa della mancanza di sicurezza dei vaccini (https://youtu.be/_2iPWh_Jgmw) confessò che sarebbe stato più opportuno far accettare il rischio di una reazione avversa rispetto alla contrazione della malattia.

Continue reading “GIÙ LE MANI DAI BAMBINI” »

VACCINI COVID19 – STUDIO LANCET

https://www.facebook.com/1325093637548307/posts/3623102387747409/?d=n

VACCINI COVID19 – STUDIO LANCET

Il 21 Novembre 2020 è stato pubblicato uno studio su Lancet sui #vaccini #covid19 [1] di cui politici e stampa ci ricordano l’imminente arrivo.

La pubblicazione esprime comunque alcuni dubbi su questi prodotti, riepiloghiamo qui i punti più significativi che speriamo servano ad aprire una discussione seria e priva di conflitti di interesse sull’argomento:

“i risultati dei test sono stati annunciati attraverso comunicati stampa, lasciando molte incertezze [..] Sono disponibili pochi dati sulla sicurezza. Dubbi anche su quanto saranno efficaci nella popolazione più anziana o con patologie pregresse ed è poco chiaro quanto saranno efficaci nella prevenzione dagli effetti più gravi”

Continue reading “VACCINI COVID19 – STUDIO LANCET” »

SEMPRE COLPA DEI CITTADINI…

SEMPRE COLPA DEI CITTADINI… Pochi giorni fa il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte ha dichiarato che un lockdown…

Pubblicato da CLi.Va Toscana Comitato per la libertà di scelta vaccinale Toscana su Sabato 17 ottobre 2020

SEMPRE COLPA DEI CITTADINI…

Pochi giorni fa il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte ha dichiarato che un lockdown nelle prossime settimane “dipenderà dal comportamento dei cittadini” (1).

Ancora una volta la politica sfrutta alcuni comportamenti per giustificare i propri fallimenti, per evitare critiche alle proprie decisioni e per non ammettere di fare decreti che niente hanno a che vedere con la salute pubblica.

Troppo facile, cari politici, incolpare i cittadini per non ammettere le vostre colpe. Eppure proprio la Camera dei deputati sarà chiusa per lo scoppio di un focolaio di COVID-19 nei prossimi giorni (2) dopo la positività di molti parlamentari, di ogni schieramento politico: il leghista Zoffili, la forzista Gelmini per l’opposizione, la Lorenzin del PD o il capogruppo Crippa per il movimento 5 stelle nella maggioranza tanto per citare alcuni nomi. Ad oggi sono 17 i positivi alla Camera.

E allora ci chiediamo: i contagi sono dovuti al fatto che i politici sono i primi che non rispettano le regole decise dal comitato tecnico scientifico e ratificate dal Governo? Oppure anche rispettando le regole i contagi possono avvennire perchè le regole sono inutili?

Del resto la politica come sempre “predica bene ma razzola male”, come diceva un vecchio proverbio popolare. In questi giorni è scoppiata la polemica perchè i cittadini non stanno scaricando l’applicazione di contact tracing Immuni e questo porterà ad un inasprimento delle norme restrittive a colpi di DPCM del Premier Conte, però poi si scopre che i politici sono proprio i primi che non hanno fatto il download con scuse degne di quando non facevamo i compiti per casa ai tempi della scuola:

“Ho avuto un problema sul cellulare” ha dichiarato l’Onorevole Lorenzin per giustificarsi di non aver scaricato l’applicazione voluta fortemente proprio dal Governo di cui fa parte (3)

“App Immuni? Mia figlia prende sempre il cellulare e me lo incasina” (4) la scusa utilizzata dal leader dell’opposizione Matteo Salvini

“Per il ruolo che rivesto è meglio che non lo faccia” (4) la motivazione per il mancato download invece per il Presidente della commissionme antimafia Nicola Morra (Movimento 5 stelle)

Insomma, la storia si ripete: nel 2017 il Governo Gentiloni utilizzò la scusa della copertura vaccinale sotto al 95% per introdurre 10 vaccini obbligatori. Anche in quel caso la legge era dovuta al mancato senso civico della popolazione, adesso, in emergenza COVID-19, il solito servizio ad hoc della stampa per evidenziare qualche comportamento non rispettoso delle regole sarà utilizzato per comprimere, ancora una volta, diritti costituzionali e libertà inviolabili.

Eppure nessuno ci spiegherà come mai tutti questi casi in Parlamento… sarà colpa dei novax anche in questo caso? Oppure siete proprio voi i primi a non rispettare le (inutili) regole che imponete?

Staff C.Li.Va. Toscana

(1) https://www.corriere.it/politica/20_ottobre_15/lockdown-italia-conte-d1f2201e-0e57-11eb-9df8-9ad18fda6e17.shtml
(2) https://www.repubblica.it/politica/2020/10/17/news/camera_coronavirus_lupi_voto_a_distanza-270878288/
(3) https://www.repubblica.it/politica/2020/10/05/news/covid_positiva_la_deputata_dem_lorenzin-269516364/
(4) https://video.repubblica.it/politica/l-app-immuni-tra-i-parlamentari-salvini-mia-figlia-gioca-col-telefono-morra-per-motivi-di-privacy-non-la-scarico/369038/369619

ORDINANZA REGIONE TOSCANA N.91 DEL 12 OTTOBRE 2020 – Gestione COVID-19 e scuola

ORDINANZA REGIONE TOSCANA N.91 DEL 12 OTTOBRE 2020

Il neo Presidente della Regione Toscana Giani ha emesso in data 12 Ottobre 2020 un’ordinanza specifica per la “gestione dei casi e dei contatti stretti in ambito scolastico” (1). L’ordinanza sostituisce le indicazioni contenute nella delibera 1256 di poche settimane fa ed è mirata a indicare “gli indirizzi operativi per la gestione dei soggetti con sintomi sospetti di COVID-19 e la loro riammissione a scuola o ai servizi educativi per l’infanzia” tramite le indicazioni contenute nell’allegato A (2)

Analizziamo ora i punti principali contenuti nell’ordinanza che, secondo la Giunta, “sono coerenti con quanto previsto dal rapporto n° 58 dell’Istituto Superiore di Sanità (versione 28 Agosto 2020), approvato dalla Conferenza delle Regioni, inserito nel DPCM del 9/9/2020, e dalle altre vigenti disposizioni nazionali e regionali”

Continue reading “ORDINANZA REGIONE TOSCANA N.91 DEL 12 OTTOBRE 2020 – Gestione COVID-19 e scuola” »

SPERIMENTAZIONI

Oggi con tono di allarme Il sole 24 ore [1] ci informa che :

“La Cina ha vaccinato decine di migliaia di persone contro il coronavirus prima di finire i test clinici. […] prima è toccato ai lavoratori di aziende controllate dallo stato, poi ai membri del governo e ai dipendenti delle aziende farmaceutiche che hanno prodotto i vaccini”

Grande stupore per il giornale di proprietà di Confindustria , la Cina si permette di provare di somministrare un vaccino prima di finire i test clinici!

Vorremmo ricordare al Sole 24 ore e a tutti i giornalisti che l’Italia è il paese che:

1) ha approvato nel 2017 un decreto legge che ha esteso al numero più alto di vaccinazioni pediatriche rispetto a tutto il Mondo. Lo ha fatto con un decreto legge ma dichiarando che non c’erano i presupposti di urgenza nella prima conferenza stampa [2]

2) ha visto introdurre l’obbligo vaccinale per l’anti epatite B grazie a tangenti all’allora Ministro della salute De Lorenzo. Il vaccino è rimasto comunque obbligatorio [3] , nonostante i numerosi cambi di governo

3) ha inserito nel calendario delle vaccinazioni raccomandate (erano state rese addirittura obbligatorie nella prima stesura folle del decreto Lorenzin) vaccinazioni come quella per l’anti meningococco B sottoposta a “monitoraggio addizionale” [4]. Come riportato dal sito dell’Istituto superiore di Sanità infatti, il vaccino è stato sottoposto a monitoraggio addizionale per:

“Nel caso del vaccino 4CMenB questa attività ha lo scopo di approfondire le conoscenze relative al profilo beneficio-rischio del vaccino in una popolazione più ampia rispetto ai circa 7.500 bambini, adolescenti e adulti trattati nelle fasi pre-registrative.”

Un vaccino immesso in commercio solo dopo averlo provato per valutare efficacia e reazioni avverse su un campione di sole 7.500 persone. Il sole 24 ore ha niente da dire su questo prodotto che ogni giorno viene inoculato a bambini di pochi mesi da ormai anni senza un vero sistema di vaccino vigilanza attivo? Siamo sicuri che i pediatri e i centri vaccinali avvisino i genitori che quel prodotto è sottoposto a monitoraggio addizionale per garantire un vero consenso informato?

4) sta finanziando e pubblicizzando su tutti i giornali e siti di (dis)informazione il miracoloso “vaccino anticovid19″ prodotto in Italia” e che sarà l’unico modo per uscire da questo stato di emergenza in cui viviamo da mesi. Peccato che gli stessi scienziati che collaborano al vaccino abbiano avvisato che “è improbabile che il primo vaccino contro il Covid-19 impedisca alle persone di contrarre il virus, ma potrebbe solo alleviare i sintomi della malattia” [5].

Scommettiamo che quando (e se) sarà pronto il vaccino sarà comunque ritenuto fondamentale, sicuro ed efficace anche se chi lo sta progettando sa già che non sarà cosi?

E che dire dei test rigidissimi al quale il vaccino italiano (non quello cinese…) si sta sottoponendo? Ovviamente due casi di grave reazione avversa neurologica su un campione ristretto sono “pure coincidenze” [6], già dimenticate dai giornali italiani. Siamo sicuri, in Italia i primi ad avere l’obbligo di questo vaccino saranno i bambini. Chi meglio di loro per sperimentare?

Nel caso non lo abbiate ancora capito gli unici vaccini buoni per giornali e politici italiani sono quelli di Big Pharma. Non c’è spazio per vaccini russi o cinesi, quelli non sono sicuri perchè non provengono da chi con il solo vaccino covid19 stima un volume d’affari fra i 10 e i 30 miliardi [7].

Con buona pace di chi spaccia i vaccini sicuri ed efficaci ogni giorno ribadiamo che il senso critico aumenta di giorno in giorno, le compressioni delle libertà e dei diritti costituzionali in nome di una tanto sbandierata salute stridono con dati e fatti oggettivi. Intanto, dal nostro piccolo, chiediamo al sole 24 ore, a tutti i giornali, e soprattutto a Istituto superiore di sanità e Ministero della salute, una risposta sui test di sicurezza ed efficacia dei vaccini

già in commercio eseguiti dagli amici di CORVELVA [8]. Una risposta che dovrebbe interessare non tanto “ai novax” ma soprattutto a chi ogni giorno porta il proprio figlio a vaccinare perché rassicurati da una sicurezza e da un’efficacia che è ancora invece tutta da dimostrare. Anche per i vaccini europei, non solo quelli cinesi.

Staff C.Li.Va. Toscana

[1] https://www.ilsole24ore.com/art/la-cina-ha-vaccinato-decine-migliaia-persone-contro-coronavirus-prima-finire-test-clinici-ADObhur

[2] https://www.ilfattoquotidiano.it/2017/05/19/vaccini-per-iscrizione-a-scuola-il-decreto-del-governo-12-obbligatori-per-fascia-0-6-anni-bisognera-vaccinarsi-anche-per-la-varicella/3597126/

[3] https://www.rassegnastampa.eu/politica/vaccino-epatite-b-reso-obbligatorio-grazie-ad-una-tangente-de-lorenzo-e-poggiolini-dovranno-pagare-5-milioni-a-testa-allo-stato/

[4] https://www.epicentro.iss.it/vaccini/pdf/Istruttoria%20MENINGOCOCCO%20B.pdf

[5] https://www.adnkronos.com/fatti/esteri/2020/09/25/vaccino-non-impedira-contrarre-virus-alleviera-solo-sintomi_PCnZb5vhvMbSWrDt1Q9F3K.html

[6] https://it.sputniknews.com/mondo/202009219556386-due-casi-di-complicazioni-neurologiche-i-test-del-vaccino-astrazeneca-ancora-fermi-in-usa/

[7] https://24plus.ilsole24ore.com/art/come-funziona-e-quanto-vale-business-miliardario-vaccini-anti-covid-19-ADcCgPS

[8] https://www.corvelva.it/speciale-corvelva/vaccinegate.html

VACCINO ANTINFLUENZALE E COVID-19

In queste settimane la FIMP (Federazione Italiana Medici Pediatri) ha suggerito al Governo di inserire una forte raccomandazione per la vaccinazione antinfluenzale per i bambini definendolo “L’unico modo sicuro per far tornare i bambini tra i banchi di scuola”. Idea subito ripresa da alcuni Presidenti di Regione come De Luca (Campania) che suggerisce “vaccino antinfluenzale obbligatorio per docenti e studenti” perché “l’epidemia di influenza ha una sintomatologia sovrapponibile al Covid”. In questi giorni inoltre è stata presentata una mozione per sollecitare il governo ad introdurre obbligo di vaccino antinfluenzale per gli over 60 da Forza Italia per “rendere più agevole la certezza della diagnosi in relazione al Covid-19”.

La capogruppo Gelmini ci ricorda infatti che “Nei mesi di febbraio e marzo, quando è scoppiata l’emergenza, avevamo da contrastare anche il picco della normale influenza stagionale, e questo ha causato numerosi problemi nel combattere il Coronavirus” mentre il collega Mandelli tiene a precisare che “I vaccini sarebbero assolutamente gratuiti e potrebbero essere fatti anche presso le farmacie.” Ovviamente il fatto che l’Onorevole Mandelli sia anche il Presidente della Federazione Ordini Farmacisti Italiani per noi è una pura casualità, ma ci aspettiamo dal Parlamento, che discuterà la mozione in questi giorni, che almeno approfondisca se questa parte possa generare un conflitto di interessi. Inoltre, come ribadiamo sempre quando si parla di gratuità, ricordiamo che il fatto che il vaccino venga somministrato in modo gratuito implica che i (pochi) soldi a disposizione della sanità nel nostro paese siano dirottati nell’acquisto del vaccino. Niente è gratuito e se ci sarà un aumento della spesa sanitaria per l’acquisto del vaccino (in quanto obbligatorio i cittadini dovranno poterlo ricevere senza pagare) sicuramente in qualche altro settore ci saranno dei risparmi con conseguenze impronosticabili. Evidentemente nei “numerosi problemi” citati dagli Onorevoli non rientrano i soldi spesi male in campo sanitario pensando che la vaccinazione a tappeto possa risolvere la carenza di posti letto o di personale sanitario.

Ma qual è l’efficacia del vaccino antinfluenzale?

Secondo il CDC USA per la stagione 2019-2020 è stata del 45% mentre nel 2017-2018 fu mediamente del 36%. A questo punto ci chiediamo che fondamento abbia la dichiarazione che ha fatto il Presidente della Regione Lazio Zingaretti giustificando la sua ordinanza sull’obbligo del vaccino antinfluenzale istituito poche settimane fa: “Il vaccino obbligatorio, per le persone a rischio, permetterebbe una diagnosi precoce del Covid-19, perché si esclude il sintomo dell’influenza stagionale normale”.

Quale aiuto nella “diagnosi precoce” di coronavirus garantirebbe un vaccino che ha un’efficacia fra il 36 e il 45%? Davvero si vuol far credere che un medico serio e preparato baserebbe la diagnosi di un paziente sul fatto che sia vaccinato o meno per l’influenza?

Riportiamo anche uno studio relativo alla stagione 2016-17 pubblicato sul sito dell’Istituto superiore di sanità dove sono stati seguite 64.854 persone di cui 30.456 senza vaccino antinfluenzale e 34.398 vaccinate. Nella tabella riepilogativa si può notare come l’incidenza fra le 611 persone che sono state ospedalizzate e le 116 che sono morte durante la stagione analizzata la percentuale sia più alta fra il campione vaccinato (35.5% contro 64.4% per gli ospedalizzati e 37.9% contro 62.1% nei morti). Pensare che un vaccino di scarsa efficacia contro la malattia da cui dovrebbe proteggere sia addirittura utile per un’altra malattia è una follia.

Per quanto riguarda l’invito della FIMP sulla vaccinazione ai bambini ricordiamo che al 27 Maggio secondo l’Istituto superiore di sanità i casi di malattia fra 0 e 18 anni sono il 2.1% del totale. Davvero la Federazione dei medici pediatri vuole dirci che con un’incidenza di solo il 2.1% abbia qualche utilità vaccinare a tappeto tutti i minori di 16 anni (la meno colpita dal coronavirus Covid-19) per eliminare dubbi nella diagnosi o sovraccaricare il sistema sanitario?

Sempre nel rapporto prodotto dall’Istituto superiore di sanità si evidenzia come il 60% dei casi sia avvenuta nelle RSA , per cui risulta davvero incomprensibile l’accanimento da parte della politica e delle task force nei confronti dei bambini e della scuola. Oggi è stato ufficializzato che anche il campionato di calcio potrà ripartire già nel mese di Giugno, incomprensibile come si ritenga più sicura una partita di calcio con continui contatti fisici e non una scuola di bambini fra oltre tre mesi nonostante il calo dei contagi sia continuo da settimane.

Come al solito classe politica e rappresentanti dei medici non perdono occasione per seminare panico per giustificare nuovi obblighi e ricatti soprattutto sulla pelle dei bambini. Stranamente, ma ci auguriamo che il Ministero e la FIMP provvedano quanto prima, nessun accenno sul legame fra carenza di Vitamina D e infezioni alle vie acute respiratorie. Sul sito dell’Istituto superiore di sanità infatti lo scorso 21 maggio è stato pubblicato un articolo che evidenzia come “attualmente sono in corso numerosi trial clinici, ad esempio negli USA, che mirano a testare l’integrazione di Vitamina D nei pazienti con Covid-19 […]” perché diversi studi hanno dimostrato un “potenziale impatto benefico dell’integrazione di Vitamina D contro le infezioni acute delle vie respiratorie”.

Siamo consapevoli che non sia la vitamina D la cura per il coronavirus, ma di sicuro quando sentiamo parlare di prevenzione è inspiegabile come ci si riconduca solo al vaccino da parte di chi dovrebbe avere a cuore la salute dei nostri figli. Perché nel dubbio che possa essere comunque utile a rinforzare il sistema immunitario dei bambini i pediatri non raccomandano l’assunzione di vitamina D?

Oppure in tema di prevenzione perché gli Onorevoli Gelmini e Mandelli non raccomandano agli over 60, a cui vorrebbero imporre una vaccinazione obbligatoria, di smettere di fumare? Eppure sul sito del Ministero della Salute viene riportata una comunicazione dell’Istituto superiore di sanità nel quale si specifica che “chi fuma ha il rischio di sviluppare polmonite severa da Covid-19 almeno tre volte superiore rispetto ai non fumatori”. Ma d’altronde da un Governo che in pieno lockdown ha chiuso i parchi e proibito attività motoria ma ha lasciato aperti i tabaccai e considerato una necessità uscire per andare a comprare le sigarette, ma non una passeggiata all’aria aperta ai bambini, non potremmo aspettarci di meglio.

Il panico e il caos generato dal coronavirus Covid-19 ancora una volta sono il pretesto per introdurre nuovi obblighi ingiustificati. Con il forte calo dei contagi adesso il nuovo motivo per spaventare e ricattare le persone è “la seconda ondata che ci sarà nel prossimo autunno”. E questo nonostante numerosi medici di tutto il Mondo ipotizzino che non ci sarà nessuna seconda ondata nel prossimo autunno oppure che potrebbe esserci ma in modo molto meno aggressivo per la mutazione del virus.

Le opinioni di medici ed esperti cambiano continuamente, in questi 4 mesi abbiamo assistito a dichiarazioni in continua contrapposizione ribadendo quindi di come si proceda per tentativi. Ma in tutto questo è inaccettabile che la politica e i rappresentanti dei medici approfittino per introdurre nuovi obblighi vaccinali e per ribadire che il vaccino sia il miglior modo di prevenire malattie e problemi al sistema sanitario nazionale. Ancora una volta poi è assurdo che sia la scuola l’ambiente ritenuto più pericoloso da parte dei pediatri per sbandierare necessità di vaccinazioni a tappeto di scarsa efficacia e su una popolazione che, dati alla mano, è la meno colpita dal coronavirus.

Staff C.Li.Va. Toscana

Il nostro sito

La nostra pagina Facebook

Link